TURISMO: LA GUERRA IN LIBIA GELA SETTORE A TRAPANI, FLUSSI -11%

(AGI) - Trapani, 28 dic. - La diminuzione di turisti giunti a Trapani in aereo e’ stata parzialmente compensata con l’incremento dei croceristi. Il profilo dei turisti che visitano Trapani. Stranieri, provenenti soprattutto da Belgio, Francia, Spagna, Germania ed Inghilterra, in maggioranza uomini e con un’eta’ tra i 50 ed i 75 anni. E’ l’identikit dei turisti che visitano Trapani, disegnato sulla base dei dati raccolti dagli operatori dell’info point. Il maggior numero di turisti proviene dal Belgio, seguito da Francia e Spagna. Arrivano turisti anche dall’Olanda, dalla Norvegia, dalla Finlandia. I turisti italiani provengono per lo piu’ da Bergamo, Pisa e Roma. Il 51 per cento dei turisti e’ uomo, il 49 donna; il 39 per cento e’ compreso in una fascia d’eta’ tra i 50 ed i 70 anni (in gran parte si tratta di croceristi), il 38 per cento e’ tra i 35 ed i 50 anni ed il 23 tra i 20 ed i 35 anni. Il turista - tipo viaggia prevalentemente in coppia (66%). In gruppo viaggia il 19 per cento. Il mezzo di trasporto privilegiato per raggiungere Trapani continua ad essere l’aereo (74%). Arriva in nave il 18 per cento dei turisti, in auto il 5 per cento ed in auto a noleggio il 3 per cento. Le richieste dei turisti. I turisti che si rivolgono all’info point chiedono in particolare le cartine turistiche e materiale di comunicazione. Negli ultimi otto mesi sono stati distribuite ai turisti oltre 18.00 cartine fornite dal Comune di Trapani. All’info pont vengono richieste brochure e guide sulla storia di Trapani e dei siti vicini e depliant informativi sui collegamenti pubblici. I punti di forza ed i punti di debolezza. Ai turisti Trapani piace per il clima ed in mare, per le bellezze naturalistiche, monumentali, storiche ed artistiche del territorio, per i sapori della cucina, per l’accoglienza. Gli operatori dell’info point hanno raccolto impressioni oltremodo positive. “Trapani - hanno aggiunto - oggi stupisce le persone che vi sono gia’ state in passato soprattutto per la pulizia e la cura nel mantenimento dell’ordine nella citta’ e per la possibilita’ esclusiva della balneazione nelle spiagge prospicienti il litorale nord del centro storico della citta’”. Apprezzate particolarmente alcune mete: oltre al centro storico della citta’, i siti di Segesta e Selinunte, Erice, le Egadi e le Riserve Naturali. Le carenze che sono state evidenziate dai turisti fanno riferimento alla difficolta’ di muoversi con autobus o treni, agli orari di apertura dei principali musei e delle Chiese, molte delle quali risultano chiuse o con una chiusura pomeridiana ritenuta troppo lungam all’impossibilita’ di poter visitare l’organo monumentale di San Pietro, il campanile di San Domenico, la chiesa Santa Maria di Gesu’, alla difficolta’ incontrata per raggiungere la riserva dello Zingaro ed il parco archeologico di Segesta con i mezzi pubblici, alla difficolta’ di raggiungere le saline di Trapani e Paceco. (AGI) (AGI) Mrg